Stampa questa pagina

Caffè: effetti positivi, negativi e controindicazioni

Effetti positivi del caffè

Il caffè ha una vera e propria azione farmacologica, tonica ed eccitante. Il suo effetto principale consiste nella stimolazione del sistema nervoso centrale e, di conseguenza, in una più vivace attività delle funzioni psichiche (miglioramento della memoria, facilità di ragionamento). Il caffè dà inoltre un senso di benessere e di riduzione della stanchezza. L'effetto stimolante del caffè si manifesta anche sui muscoli e sulla peristalsi intestinale. La sua azione però è rapida e piuttosto effimera. Alcune ricerche hanno dimostrato che il caffè ha una grande efficacia nella dilatazione dei bronchi, in caso di febbre da fieno, rinite allergica, mal di testa, ipotensione, ipotiroidismo, brachicardia, obesità (non zuccherato).

Effetti negativi del caffè

I limiti di tollerabilità variano da persona a persona. Superando tali limiti gli effetti negativi del caffè possono essere: palpitazioni e disturbi del ritmo cardiaco, sudorazione eccessiva, tremori, acidità di stomaco, ipereccitabilità, depressione, insonnia, aumento della pressione sanguigna.

Controindicazioni

È controindicato in caso di malattie che interessano stomaco, intestino, fegato, pancreas, cuore, reni, pelle e sistema nervoso, ipertiroidismo e glaucoma. Non va dato ai bambini, mentre gli anziani possono consumarne con moderazione.

 

Per informazioni visitare il sito:

http://www.mangiareperdimagrire.it/

oppure contattare il Dott. Fabio Nardi ai seguenti recapiti:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

- cell. 331 3421943

‪#‎mangiareperdimagrire‬

Letto 1808 volte